Centro Internazionale di Studi Primo Levi > Web > Italiano > Contenuti > Opera > Traduzioni > Svedese

Svedese

    Indice (TOC)
    Nessuna testata

    Copertina di “Är detta en människa?/Fristen”, Bonnier, 1998

     

    La prima opera di Primo Levi edita in svedese è stata, nel 1986, Se non ora, quando?, tradotta da Ingrid Börge per la casa editrice Bonnier. Il 20 aprile 1986 Primo Levi si recò personalmente a Stoccolma per presentarla presso l'Istituto italiano di cultura, insieme all'editore, Otto Bonnier, e alla traduttrice. Sono seguiti Se questo è un uomo (1988), La tregua (1991) e Il sistema periodico (1993), oltre alla Conversazione con Ferdinando Camon (1998). Scritti dell'autore fanno parte di un saggio sulle commemorazioni della Shoah a Stoccolma (Glöm oss inte: en bok om Förintelsen och minnesmonumentet i Stockholm, Stoccolma, Hillelförl, 1999). Se questo è un uomo e La tregua hanno avuto alcune ristampe e riedizioni, di cui una, nel 1998, in un volume unico (Stoccolma, 1998, Bonnier).

    Nel 2011 l’Istituto di cultura italiana di Stoccolma ha pubblicato, nella collana "Cartaditalia", Ad ora incerta e altre poesie, nella traduzione non più di Ingrid Börge (fino ad allora traduttrice unica delle opere di Levi), bensì di Roger Fjellström e Louise Kahan. Nel 2013 è uscita, ancora per i tipi di Bonnier, la prima traduzione svedese (a cura di Barbro Andersson) di I sommersi e salvati, inserita in una trilogia, Tre libri, che raccoglie anche una ristampa di Se questo è un uomo e La tregua.

     

    Centro Internazionale di Studi Primo Levi - Tutti i diritti riservati

    Partner-Polo_del_900.png

    Powered by MindTouch Core