Associazione Amici del Centro Internazionale di Studi Primo Levi

Perché questa associazione

Primo Levi è considerato in tutto il mondo un classico della letteratura e del pensiero contemporanei. Le sue pagine suggeriscono stimoli sempre nuovi di riflessione e di ricerca. Per tutta la sua vita egli ha cercato un dialogo con interlocutori numerosi e diversi: sullo sterminio nazista e sull'eredità che Auschwitz ha lasciato alle generazioni successive, sulla verità e sull'etica nella pratica scientifica, sui tanti temi urgenti della realtà contemporanea. Il suo pensiero, in
un’epoca come quella attuale, di profonda incertezza e confusione sui valori della convivenza civile, rappresenta un contributo e uno stimolo di grande rilevanza e attualità.

Ispirandosi a una tale volontà di incontro e di scambio e consapevole dell’importanza del proprio compito, fin dalla sua fondazione nel 2009 il Centro Internazionale di Studi Primo Levi ha operato come mediatore fra l’opera dello scrittore e i suoi numerosi pubblici, in Italia e in altri paesi:

  • creando strumenti di approccio e di interpretazione del suo pensiero;
  • offrendo occasioni di approfondimento e di discussione;
  • rivolgendosi in primo luogo ai giovani e alla scuola.

Nel 2019 ricorre il Centenario della nascita di Primo Levi: un’occasione unica per raccogliere le domande e le sollecitazioni che la società e la cultura di oggi – scosse da sconvolgimenti profondi e spesso inquietanti – nutrono nei confronti di un autore riconosciuto come un ineludibile punto di
riferimento e per promuovere attività e dibattiti sui molti temi da lui sollevati.

Il lavoro del Centro ha già prodotto risultati importanti quali il sostegno offerto alle nuove edizioni delle opere complete in italiano e in inglese, la realizzazione di ricerche originali come quelle proposte nelle prime dieci Lezioni Primo Levi edite da Einaudi, la mostra itinerante I mondi di Primo Levi, l’Album Primo Levi, la costante attività di formazione rivolta alle scuole e molto altro. Risultati che richiedono un impegno sempre maggiore di valorizzazione e di diffusione.

Per questo è stata costituita l’Associazione: essa si rivolge alle persone che – pur operando in campi diversi - considerano l’opera dello scrittore torinese una presenza viva ed essenziale nella cultura di oggi, per chiedere loro un contributo di

  • idee
  • partecipazione
  • aiuto concreto

Che cosa si propone l’Associazione

L’Associazione Amici del Centro Internazionale di Studi Primo Levi si propone due obiettivi prioritari da perseguire in Italia e all'estero.

  • Sostenere l’attività del Centro

Nel momento in cui le istituzioni pubbliche riducono progressivamente il loro impegno nel mondo della cultura, l’Associazione potrà estendere e consolidare la base di riferimento del Centro attraverso la partecipazione di nuovi soggetti disponibili ad offrire le loro competenze, le loro relazioni, la loro influenza e il loro sostegno materiale.

  • Valorizzare e dare ampia visibilità ai frutti più interessanti del lavoro dal Centro

L’associazione, e i suoi componenti, potranno farsi promotori, oltre che della diffusione dei materiali disponibili, di iniziative di incontro e di discussione, raccogliendo esigenze, sollecitazioni e suggerimenti provenienti dai vari pubblici interessati alla attualità delle riflessioni che il pensiero di Primo Levi suscita.

Affinché i componenti dell’Associazione possano svolgere efficacemente la loro funzione di sostegno, di raccordo e di promozione culturale, il Centro si impegna a garantire loro una informazione accurata e tempestiva. Attraverso canali privilegiati intende offrire:

  • strumenti per avvicinare e conoscere meglio l’opera di Levi;
  • notizie sulle nuove iniziative del Centro;
  • notizie sulle iniziative prese anche da altri soggetti in Italia e all’estero;
  • la possibilità di partecipare a tutte le attività più significative promosse dal Centro. 

I soci fondatori: Federico Fubini (Presidente), Tullio Levi (Vice Presidente), Bice Fubini, Daniele Gorgone, Alida Vitale

Contatti

E-mail: amici.primolevi@gmail.com